Guido D'Acuti (Italiano)

Ogni mese presentiamo uno dei nostri coach migliori e ci lasciamo ispirare da loro. Questa settimana, diamo la parola a Guido D'Acuti, uno Psicologo e Psicoterapeuta di Padova. Guido é specializzato in "Terapia Strategica." In questa intervista ci facciamo spiegare cos'é questo approccio definito paradossale, ma efficace.


Ci potresti raccontare un po’ della tua esperienza fino ad oggi?

Mi piace descrivermi come uno psicologo multidisciplinare e uno psicoterapeuta efficace e flessibile. Non mi sono mai fissato su un singolo approccio alla psicologia: penso come uno psicologo clinico ma contemporaneamente mi sento un coach, un problem solver e uno psicologo sociale e del lavoro. Mi approccio ad ogni mia realtà lavorativa cercando di proporre degli interventi adeguati, in modo che il mio contributo sia sempre il più efficace ed efficiente possibile.

Sia nel lavoro come nella mia vita privata credo nell'importanza della comunicazione e delle diverse modalità di relazione con le persone, i gruppi, le istituzioni e la società. Cito il mio maestro:

“Cambiando il modo di comunicare e lo stile relazionale, oltre alle azioni, gli effetti possano essere stupefacenti.”
— Giorgio Nardone

Comunicazione, attenzione alla dinamica relazionale, interventi strategici e mirati identificano la mia pratica professionale.


II qual è la cosa più significativa che hai raggiunto nella tua vita e in che modo l’hai raggiunta?

Potrà sembrare strano, tuttavia una delle cose più importanti che ho compreso nella vita sono i miei limiti. Alcuni anni fa, mentre stavo lavorando presso una struttura residenziale di riabilitazione, per persone con problemi di dipendenza, ho sentito la necessità di chiedere aiuto alla mia equipe di lavoro. Uno degli utenti mi stava mettendo particolarmente in difficoltà sia emotivamente che a livello relazionale. Questa situazione, invece di rendermi vulnerabile e in difficoltà, mi ha portato ad avere un'approvazione ed un aiuto da parte dei colleghi. Il rendermi conto dei miei limiti, in molte occasioni della mia vita, mi ha permesso di trasformarli in una nuova energia, in una risorsa positiva.


Il tuo approccio è la Terapia strategica breve, ci racconti in cosa consiste?

Immaginatevi di avere paura di uscire di casa, il solo varcare il portone del condominio vi genera un'ansia tale da vivere un attacco di panico: non riuscite a respirare, tachicardia, sudori freddi. Di conseguenza, iniziate ad evitare qualsiasi attività che preveda di uscire di casa da soli, se dovete uscire, vi fate aiutare da un famigliare e non fate altro che parlare del problema con chiunque sia al vostro fianco.

Una terapia strategica, di fronte a tale problematica, affronta in primo luogo la sintomatologia manifestata. Si cercherà di ridurre in breve tempo (due mesi, circa quattro sedute) le forme attraverso cui il panico si manifesta (ansia, attacchi di panico), lavorando contemporaneamente sull'ansia e sulla paura, riportandole ad un livello di normalità.

In seguito si lavora consolidando i risultati ottenuti e favorendo la costruzione di una realtà nuova diversa da quella patologica. Si lavora (dai quattro ai sei mesi, circa una seduta al mese) per costruire un nuovo equilibrio, dove il livello della qualità della vita della persona non è più inficiato dalla paura patologica.

La caratteristica chiave dell'approccio strategico sta nella combinazione di tre fattori: 1) Strategie d'intervento paradossali e contraddittorie, 2) Aspetti comunicativi e 3) relazionali, fattori che rendono la terapia efficace ed efficiente.


Quale consiglio daresti ai nostri utenti di Coachademy?

Se siete un po' demoralizzati, non riuscite a vedere la fine della giornata, se vi svegliate di malumore o siete troppo stressati, provate a farvi questa domanda: "Se voi voleste peggiorare invece di migliorare la vostra giornata, cosa dovreste pensare o non pensare, fare oppure evitare di fare per peggiorare la vostra giornata invece di migliorarla?"

 "La logica di questa domanda è che per raddrizzare una cosa dobbiamo prima conosce tutti i modi per storcerla di più.”

 
 

Scarica Coachademy per contattare Guido